domenica 5 agosto 2012

Crema al vinsanto in coppetta

Questa ricetta nasce dal desiderio di partecipare al contest scovato qui (trattasi del mio primissimo contest ;) )
Sono partita da una base di crema catalana aromatizzata al vinsanto con l'aggiunta della brisè sul fondo e di uno strato di mandorle tostate.
Le splendide coppette che ho scelto erano di mia nonna, ed hanno ispirato tutto il "mood" della ricetta, nonchè l'allestimento fotografico. Buona, bella e nostalgica :)


CREMA AL VINSANTO IN COPPETTA


Per la base (pasta brisè)

125 gr farina
60 gr burro a pezzetti freddo di frigo
30 gr acqua freddissima
un pizzico di sale

Mettiamo la farina sulla spianatoia o in una ciotola capiente, aggiungiamo il burro freddissimo (vi consiglio di farlo a pezzetti prima e poi di rimetterlo in frigo fino alla lavorazione) ed cominciamo ad "sfregare" con la punta delle dita fino a che non si forma uno sfarinato. Aggiungiamo l'acqua ed impastiamo il tutto molto velocemente, affinchè il burro non si sciolga. Formiamo una palla, avvolgiamola nella pellicola e mettiamola in frigo almeno una mezz'oretta.
Una volta trascorso il tempo di riposo, la riprendiamo e la stendiamo sottile tra due strati di cartaforno. Bucherelliamo la sfoglia ottenuta e trasferiamola in forno già caldo a 180° per una  quindicina di minuti (fino a doratura). Sforniamo e mettiamo da parte a freddare.

Per la crema al vinsanto
(dose per 4 persone)

500 ml di latte intero
4 tuorli d'uovo
80 gr di zucchero
25 gr di amido di mais
30 ml di vinsanto (omettibile o sostituibile)
una bacca di vaniglia (o una bustina di vanillina)

In più:

zucchero di canna q.b. per la copertura
vinsanto per la bagna
mandorle spellate

Mettiamo tutto il latte (meno un bicchiere che useremo dopo) in un pentolino con la bacca incisa di vaniglia ed i suoi semini ed aggiungiamo metà dello zucchero. Portiamo ad ebollizione. 
Nel frattempo sciogliamo l'amido in una ciotolina con il bicchiere di latte che abbiamo tolto dal totale ed i 30 ml di vinsanto.
A parte montiamo per un paio di minuti i quattro tuorli con l'altra metà dello zucchero. Aggiungiamo il composto amido-latte-vinsanto ai tuorli e mescoliamo. Aggiungiamo anche il latte bollente aiutandoci con un colino. Mescoliamo e rimettiamo sul fuoco. Cuociamo per qualche minuto, sempre mescolando.
Una volta ottenuta la consistenza di una crema morbida (tenete conto che freddando solidifica) la trasferiamo in una ciotola per farla raffreddare, coprendo con la pellicola a contatto.
Mentre la nostra crema fredda prendiamo le mandorle e le mettiamo in forno a 180° fino a che non si saranno scurite -senza bruciarle :)-
Mettiamo a freddare e tritiamo (io mi sono servita di un batticarne, mettendo le mandorle tra due fogli di carta forno).

E' il momento di comporre: prendiamo la coppetta scelta, possibilmente non troppo alta per non fare strati troppo spessi di crema, mettiamo sul fondo la brisè sbriciolata grossolanamente. Bagniamo con un due cucchiaini di vinsanto. Facciamo il primo strato con la crema dello spessore desiderato. Mettiamo la granella di mandorle e ricopriamo con la rimanente crema. Copriamo con la pellicola ciascuna coppetta e mettiamola in frigorifero fino al momento di servire.

Per servire le coppette è sufficiente ricoprirne la superficie con uno strato di zucchero di canna e mettere un paio di minuti sotto il grill del forno affinchè lo zucchero di sciolga, senza lasciarle a lungo perchè la crema deve rimanere ben fredda!
Vi lascio alle foto, che spero siano più esaustive di me :)






Buona Domenica
Mela

Con questa ricetta partecipo al contest di Imma di Dolci a GoGo "Dolci al Cucchiaio"

23 commenti:

  1. Ciao carissima grazie mille per aver partecipato al mio contest con questa meravigliosa ricetta ma anche per evermi fatto conoscere il tuo bog,baci,Imma

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Imma! Per me è un'esperienza nuova e lo ricorderò sempre come il mio primo contest :) Baci!!!

    RispondiElimina
  3. Che splendida novità!!!
    Deve essere profumatissima!!
    Un saluto Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen! ehh, tra vinsanto e vaniglia... :) Buona serata!

      Elimina
  4. evvai di vintage! che spettacolo di foto! ma il contenuto di quelle coppette deve essere delizioso, si che ce lo metterei il vin santo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, grazie! Guardavo sul tuo bel sito, ma sei originaria di Firenze? Anch'io del granducato :), e il vinsanto lo metterei ovunque!

      Elimina
  5. piacere di conoscerti Norma, con queste coppette deliziose, splendidamente presentate!!!!! Mi aggiungo ai tuoi lettori, passa a trovarmi; un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
  6. Grazie, il piacere è mio! Vengo subito a sbirciare da te ;)

    RispondiElimina
  7. deliziosa la ricetta e carinissima la presentazione,complimenti!

    RispondiElimina
  8. Ciao cara Norma, ricambio subito e volentieri la tua visita e mi aggiungo ai lettori fissi! Sei davvero brava, complimenti ed un grande in bocca al lupo per il contest! :) Queste coppette sono deliziose, io poi amo letteralmente la vaniglia, segno subito la ricetta! Vedo che il tuo blog è nato da poco, allora ti faccio tanti auguri e sono sicura che avrai tanto successo perché se il buongiorno si vede dal mattino... continua così! Un abbraccio, a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, sei troppo gentile! Il giorno in cui mi deciderò a replicare le calle (seee) chiederò assistenza a te :) Tranquilla, è ancora lontano quel giorno, ne devo fare di pratica :) Ancora grazie, sono contenta di potermi confrontare con persone così disponibili e carine! Un abbraccio

      Elimina
  9. Grazie per essere passata dal mio blog,ricambio con piacere....ho già visto alcune ricettine molto interessanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria, è un piacere conoscerti e ricevere i tuoi complimenti! Hai una ricca e bellissima raccolta di ricette! A presto

      Elimina
  10. Che meraviglia!! Buone le coperte e originale l'allestimento! Passero' sicuramente di nuovo a trovarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, grazie della visita, e complimenti ancora per le splendide decorazioni che fai! Un abbraccio

      Elimina
  11. Ciao Norma, davvero un salto indietro nel tempo con queste immagini molto evocative. Fantastica l'idea di usare il Vin Santo come aroma della crema. La crema servita in coppetta è un dolce che mia suocera fa spesso e che davvero mi fa pensare ad un'altra epoca, un altro tempo. Bellissimo. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty, grazie, non sai che piacere mi fa leggere le tue parole! Ho visto che anche il tuo post odierno è molto evocativo :) Rispettare il passato mi aiuta a vivere meglio il presente. E poi la crema, con o senza coppetta, è sempre bona :) A presto, Norma

      Elimina
  12. Questa è una delizia come poche! Punto e basta :-)

    RispondiElimina
  13. provata! delicata e invitante..ho fatto un figurone con gli amici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. emozioneeee :))) Grazie Giulia, mi fai felice!

      Elimina
  14. molto curiosa questa coppetta

    RispondiElimina